Peter Gric: I luoghi sconosciuti dell’estasi

 
 

Peter Gric
I luoghi sconosciuti dell'estasi

 
 
Peter Gric nasce a Brno nel 1968, in quella ch'era allora la Cecoslovacchia e fin da bambino, mostra la sua inclinazione artistica per il disegno e la pittura, talento che non poteva che essere colto e coadiuvato dai genitori; l'arte è qualcosa di palpabile in famiglia, la madre Ludmila e il padre Jaroslav, sono infatti anch'essi autori di dipinti, sculture ed illustrazioni.

Ottenuto il permesso per una vacanza fuori dai confini socialisti, nel 1980 i Gric si mettono in viaggio senza alcuna intenzione di rientrare in patria e attraversate Ungheria e Jugoslavia, raggiungono l'Austria e decidono di stabilirsi a Linz.

Città nella quale Peter frequenta la scuola di graphic design, per poi iscriversi all'Accademia di Belle Arti di Vienna dove troverà il Prof. Arik Brauer, eclettico artista di origine ebraica lituana, a suo tempo studente di Albert Paris Gütersloh, principale ispiratore di quella che sarà la scuola viennese del Realismo Fantastico, fondata proprio da Brauer insieme ad artisti come Fuchs, Hausner, Hutter o Lehmden.

Già durante gli studi partecipa con successo a numerose mostre collettive ed oggi le sue opere, sono ormai acquistate in tutto il mondo da collezionisti privati e gallerie d'arte, come altrettante, sono le illustrazioni che Gric ha realizzato per copertine di libri fantasy e sci-fi.

Influenzato da artisti come Dalì, Ernst, Nerdrum e come è evidente, dallo stesso padre Jaroslav e dal pittore polacco Zdzisław Beksiński, Peter Gric dipinge utilizzando prevalentemente colori acrilici e ad olio, saltuariamente facendo altresì uso di aerografo e dalla fine degli anni '90, per la progettazioni di alcuni lavori ricorre a software grafici e 3D.

I suoi, sono scorci di paesaggi oltre tempo, apparizioni di un futuro ch'è già remoto con affascinanti e misteriose creature biomeccaniche che sinuose s'immergono tra le architetture decadenti ed a volte infinite, proprio come lo sono i territori dai quali sembrano nascere e morire.

E' Peter Gric ha spiegare come la tela sia per lui «un veicolo, una sorta di nave spaziale per viaggiare in luoghi sconosciuti, in realtà sconosciute», lasciando il «mondo spiegabile e descrivibile», come a volersi calare in uno stato di coscienza alternativo, libero da un qualsivoglia desiderio di ricerca che non sia quello di abbandonarsi alla meraviglia, una sorta di estasi che lo porta a comporre opere oltremodo visionarie.

Dipinti dov'è la mano a raccogliere quell'ispirazione che in quanto tale, trova concretizzazione nell'inconsapevolezza dell'artista, motivo per cui, proprio come il già citato Beksiński, che neppure si preoccupava di dar nome alle sue opere, anche Peter Gric non offre vie d'interpretazione.
 

Peter Gric, Artefact, Acrilico:olio su pannello in fibra (1995)

Artefact, Acrilico/olio su pannello in fibra (1995)

 

Peter Gric, False Awakening, Collage:acrilico su pannello in fibra (1999)

False Awakening, Collage:acrilico su pannello in fibra (1999)

 

Peter Gric, Passage, Acrilico su pannello in fibra (2010)

Passage, Acrilico su pannello in fibra (2010)

 

Peter Gric, Space-Warp Machine, Acrilico su pannello in fibra (2010)

Space-Warp Machine, Acrilico su pannello in fibra (2010)

 

Peter Gric, Inorganic Muse, Acrilico su pannello in fibra (2010)

Inorganic Muse, Acrilico su pannello in fibra (2010)

 

Peter Gric, Tower V, Acrilico su pannello in fibra (2011)

Tower V, Acrilico su pannello in fibra (2011)

 

Peter Gric, Gynoid IV, Acrilico su pannello in fibra (2011)

Peter Gric, Gynoid IV, Acrilico su pannello in fibra (2011)

 

Peter Gric, Android III, Acrilico su pannello in fibra (2012)

Android III, Acrilico su pannello in fibra (2012)

 

Peter Gric, Medusa Experiment, Acrilico su pannello in fibra (2012-2013)

Medusa Experiment, Acrilico su pannello in fibra (2012-2013)

 

Peter Gric, The Gate, Acrilico su pannello in fibra (2012-2013)

The Gate, Acrilico su pannello in fibra (2012-2013)

 

Peter Gric, Gynoid-Monument II, Acrilico su pannello in fibra (2012-2013)

Gynoid-Monument II, Acrilico su pannello in fibra (2012-2013)

 

Peter Gric, Artefact XIV, Acrilico su pannello in fibra (2014)

Artefact XIV, Acrilico su pannello in fibra (2014)

 

Peter Gric, Attachment, Acrilico su tela (2015)

Attachment, Acrilico su tela (2015)

 

Peter Gric, Modified Skull, Acrilico su pannello in fibra (2016)

Modified Skull, Acrilico su pannello in fibra (2016)

 

Peter Gric, Dissolution of Ego V, Acrilico su tela (2016)

Dissolution of Ego V, Acrilico su tela (2016)

 

Peter Gric, The Soulless Warrior, Acrilico su tela (2016)

The Soulless Warrior, Acrilico su tela (2016)

 

Peter Gric, Isle of the Death, Acrilico su carta (2017)

Isle of the Death, Acrilico su carta (2017)

 

Peter Gric, Forecourt for Singularity, Acrilico su pannello in fibra (2017)

Forecourt for Singularity, Acrilico su pannello in fibra (2017)

 

Peter Gric
 
 
 
 

Peter Gric: I luoghi sconosciuti dell’estasi ultima modifica: 2017-11-16T10:20:21+00:00 da iCdB